Indice di povertà Caritas, la maggioranza vive a Cisanello e dintorni. Ma l’incidenza più elevata è fra Sant’Ermete e Ospedaletto. Il testo integrale del Rapporto 2018

Sono 967 le persone residenti a Pisa incontrate dalla Caritas nel 2017. Oltre un quarto di essi (28,9%) vive nel territorio del Ctp 5 che va da Pratale a Cisanello passando per Don Bosco, Porta a Piagge, San Biagio e Pisanova e che è anche il più popoloso della città (vi abita circa un pisano su quattro). L’Indice di Povertà Caritas, dato dal rapporto fra le persone che si sono rivolte ad un centro Caritas nel 2017 e la popolazione residente in ciascun Ctp, però, racconta una geografia della povertà un po’ diversa. Il territorio con l’incidenza più elevata è quello del Ctp 3 (Putignano, Riglione, Oratoio, Coltano, Le Rene, Ospedaletto e Sant’Ermete): qui, infatti, sono seguiti dalla Caritas 16,5 persone ogni mille residenti, un valore più che doppio rispetto a quello del Ctp 6, (7,49 per mille) che copre quartieri popolari come Gagno e I Passi ma anche zone della città mediamente più agiate quali Porta a Lucca, San Francesco e Santa Maria, ma pure del Ctp 4 (8,16 per mille) che si estende su una delle aree più critiche della città dal punto di vista dei fenomeni di marginalità sociale come la Stazione e le aree limitrofe. Nel Ctp 2, invece, l’indice si ferma al 10,75 per mille e nel Ctp 5 all’11,84 per mille.

Il testo integrale del rapporto

Comunità Precarie. Rapporto Povertà 2018 Caritas Pisa (3.1 MiB, 43 downloads)