Se il numero non cresce più, è perché diventano ”cittadini”. L’immigrazione in Toscana nell’analisi del Dossier Ido

Firenze, giovedì 26 ottobre 2017 –  Quasi 14.500 alla fine del 2016, il 9,3% in più rispetto all’anno precedente. Anche senza la riforma dell diritto di cittadinanza, ferma in parlamento, continua a crescere pure in Toscana il numero dei nuovi italiani: in appena dodici mesi, infatti, è già stato superato il record raggiunto nel 2015 con 13.159 acquisizioni di cittadinanza da parte di immigrati residenti nel territorio regionale, un dato mai raggiunto fino a quel momento e pari a quasi il doppio (+81,8%) rispetto ai 7.240 del 2014. La tendenza assume una rilevanza particolare se si considera che, nella stragrande maggioranza dei casi, si tratta di acquisizioni per naturalizzazione, una modalità di ottenimento della cittadinanza italiana che presuppone almeno dieci anni di residenza nel territorio nazionale.

261017_cover

E’uno dei dati riferiti alla Toscana contenuti nel Dossier Statistico Immigrazione 2017, il volume realizzato dal Centro Studi Idos e dalla rivista Confronti, grazie al sostegno dell’otto per mille della Chiesa Valdese e dell’Unar e presentato pubblicamente a Firenze, Dipartimento di storia, archeologia, geografia, arte e spettacolo di Firenze (e in contemporanea a Roma e in tutte le altre regioni d’Italia) questa mattina.

Sotto le slide di presentazione del capitolo dedicato all’Immigrazione in Toscana.

Icon of Dossier Idos, l'immigrazione in Toscana: le slide Dossier Idos, l'immigrazione in Toscana: le slide (2.0 MiB)